Curiosità linguistiche
L'aritmetica non è un'opinione



Si sente spesso usare, a mo' di proverbio, il detto la matematica non è un'opinione. In verità la citazione è imprecisa, poiché propriamente l'espressione che fu realmente usata è: l'aritmetica non è un'opinione. Ma quando fu effettivamente pronunciata questa frase, e in quale contesto?
Bisogna risalire all'anno 1879: il 14 luglio di quell'anno si insediò il secondo governo guidato da Benedetto Cairoli, e fu nominato ministro delle finanze e del tesoro il deputato Bernardino Grimaldi. Tra le spinose questioni che quel governo dové affrontare vi fu l'abolizione della tassa sul macinato, una tassa impopolare introdotta dieci anni prima e che i governi di sinistra avrebbero voluto eliminare. Il Grimaldi pose il problema che, per esigenze di bilancio, sarebbe stato fondamentale istituire altri tributi prima di procedere all'abolizione. La sua visione rigorosa non era però condivisa da una parte dei membri del governo, che preferivano procedere all'abolizione della tassa, anche per garantirsi maggior consenso. La polemica portò infine alla caduta dell'esecutivo.
Dopo la caduta del governo, il 25 novembre 1879 Cairoli ebbe mandato di costituire il nuovo esecutivo (il Cairoli III). Bernardino Grimaldi rifiutò di farne parte e quando, il 27 novembre, il primo ministro attribuí il rifiuto a divergenze d'opinione fra lui e l'ex ministro delle finanze, Grimaldi rispose seccamente: l'aritmetica non è un'opinione. Si dice anche che la frase gli fosse stata suggerita dal deputato Filippo Mariotti.

22 novembre 2011


Questo testo è proprietà intellettuale dell'autore, Ferruccio Sardu. La sua riproposizione, anche parziale, implica la citazione della fonte.

← Precedente     Successiva →


linea

Torna al menu delle Curiosità Linguistiche