Curiosità linguistiche
Footing



Nell'uso comune, ahimè, la lingua italiana è stata infarcita di orrendi neologismi e barbarismi. Non si può che deplorare la provincialissima abitudine ad andare a pescare dalla lingua inglese termini del tutto inutili, giacché l'italiano ben dispone di un lessico adeguato per esprimere tutti i concetti di cui abbiamo bisogno.
Non provo neanche a fare un elenco dei barbarismi inutili: ci si potrebbe riempire un ponderoso volume. Mi voglio soffermare ora su quello che è, a mio avviso, l'anglicismo piú grottesco: il sostantivo footing.
Tutti piú o meno sanno o dovrebbero sapere che il termine in questione, che designa un esercizio fisico basato sulla corsa leggera, non è in uso nella lingua inglese: ivi si usa dire jogging. Ma dire footing parrà a qualcuno piú esotico, piú fine, piú non-so-che che dire semplicemente corsetta. Ed ecco che i nostri parchi si riempiono di persone che fanno footing.
Temo però che a molti sfugga uno dei veri significati del termine: che nella lingua inglese designa, fra le altre cose, una pratica sessuale basata sull'utilizzo di un piede. Non è davvero il caso di entrare nei particolari (a chi volesse capire di cosa si tratta suggerisco una piccola ricerca sul sito http://it.urbandictionary.com, che riporta molte espressioni di carattere gergale), ma una cosa mi sento di raccomandare a tutti i navigatori: non proponete mai a una ragazza statunitense di fare un po' di footing insieme: potrebbe prenderla davvero male.

11 novembre 2011


Questo testo è proprietà intellettuale dell'autore, Ferruccio Sardu. La sua riproposizione, anche parziale, implica la citazione della fonte.

← Precedente     Successiva →


linea

Torna al menu delle Curiosità Linguistiche