Leggende metropolitane
Un liquore esotico



Una vecchissima leggenda metropolitana racconta che un bel giorno, su un treno, degli addetti alla manutenzione dei bagagli si accorsero che, a causa delle scosse del mezzo, in un vagone una pesante botte si era rovesciata, e ne sgocciolava fuori un liquido ambrato dall᾿inconfondibile aroma alcolico. Gli addetti tirarono su con fatica la pesantissima botte, e si assicurarono che non potesse piú rovesciarsi. Quindi, per concedersi un piccolo premio per il loro sforzo, decisero di assaggiare l᾿esotico liquore. Praticato un minuscolo foro sul coperchio della botte, ne risucchiarono con una cannuccia il tanto per riempire due bei bicchieri, e riscaldarsi un po᾿ (la leggenda ci dice che era inverno).
Quando il treno fu giunto a destinazione, i bagagli vennero scaricati in stazione. Fu allora che gli addetti videro un signore dall᾿aria molto distinta avvicinarsi. Egli si presentò come un naturalista, insegnante di scienze all᾿università: era molto in apprensione, spiegò, per la consegna che aspettava: temeva che la scimmia del Borneo conservata in alcol, che gli era stata spedita dall᾿istituto di zoologia di un᾿altra università, potesse aver risentito del viaggio.

23 novembre 2011


Se vuoi commentare questa leggenda, oppure comunicarne una versione alternativa, invia un᾿email al Webmaster dalla pagina dei contatti.

Questo testo è proprietà intellettuale dell᾿autore, Ferruccio Sardu. La sua riproposizione, anche parziale, implica la citazione della fonte.


← Precedente     Successiva →


linea

Torna al menu delle Leggende Metropolitane