Curiosità linguistiche
Controproducente



Usiamo comunemente l'aggettivo controproducente per connotare un'azione che si rivolge contro chi la compie. Ciò che non salta immediatamente all'occhio è che si tratta di un termine tecnico, e piú precisamente di un modo di dire del linguaggio giuridico. In origine infatti si trattava non di un aggettivo ma di una locuzione latina (utilizzata nel campo del diritto e riferita a uno specifico contesto che si verifica durante un dibattito giudiziario): contra producentem, detto di argomentazione, o eventualmente di prova, prodotta in giudizio; il significato è che l'argomentazione o la prova presentata da una delle parti in causa si ritorce per l'appunto contro chi l'ha prodotta. La locuzione si è poi trasformata in un aggettivo, finendo per essere dotata di plurale, e il suo raggio d'azione si è ampliato, arrivando a inglobare comportamenti e atti comunicativi non riferibili al contesto giuridico.

17 dicembre 2011


Questo testo è proprietà intellettuale dell'autore, Ferruccio Sardu. La sua riproposizione, anche parziale, implica la citazione della fonte.

← Precedente     Successiva →


linea

Torna al menu delle Curiosità Linguistiche