Mitologia nordica
Frigg



La legittima sposa di Óðinn, madre dello splendido dio Baldr, è Frigg, dea suprema fra gli æsir. Sue ancelle sono Gná e Fulla; a lei sovente si accompagna Eir, dea dalle grandi abilità mediche. Il nome di Frigg significa semplicemente «moglie» o «anche donna amata». Di lei si dice che possieda il dono della profezia, ma che non sia usa condividere ciò di cui è consapevole. Suo padre è un dio antico chiamato Fjörgynn o Fjörgvinn¹. Di Frigg si dice pure che non sia precisamente una sposa modello, tanto che Óðinn arrivò ad autoesiliarsi perché si vergognava dei suoi tradimenti. Pare infatti che ella abbia giaciuto perfino con i cognati, Vili e Vé. Dea molto amata, Frigg è patrona dell'amore, ed è sovente invocata dalle partorienti. La sua autorità è somma: lei sola ha il diritto di sedere sul seggio di Óðinn, Hliðskjálf, e da lí contemplare i nove mondi e osservare il comportamento degli uomini.
  1. Fjörgynn è il corrispondente maschile della dea Fjörgyn, ossia di Jörð, la Madre Terra.

29 novembre 2011


Questo testo è proprietà intellettuale dell'autore, Ferruccio Sardu. La sua riproposizione, anche parziale, implica la citazione della fonte.


← Precedente     Successivo →


linea

Torna al menu della Mitologia Nordica