Mitologia nordica
Askr ed Embla, i primi uomini



Dopo aver creato il mondo, Óðinn, Vili e Vé lo percorsero, compiaciuti di quanto avevano fatto. Accadde che giungessero alla riva del mare, e lí trovarono due tronchi d'albero, spogli e desolati. Óðinn infuse loro il soffio vitale, e Vili li dotò di consapevolezza e capacità di muoversi; Vé diede loro i sensi e la parola¹. Le creature cosí plasmate furono i primi uomini, che ricevettero dagli dèi vesti e un nome. Askr è il nome del primo uomo, Embla il nome della prima donna². Fu loro data come dimora Miðgarðr, il giardino recintato nel mezzo del cosmo.
  1. Anche in considerazione dei loro nomi Óðinn, Vili e Vé sovrintendono rispettivamente allo spirito, alla cognizione e alla sfera della percezione, e dalle loro prerogative discendono i loro doni.
  2. Benché l'etimologia dei due nomi sia discussa, il significato parrebbe essere rispettivamente «frassino» ed «olmo», con riferimento alla loro origine.

21 ottobre 2011


Questo testo è proprietà intellettuale dell'autore, Ferruccio Sardu. La sua riproposizione, anche parziale, implica la citazione della fonte.


← Precedente     Successivo →


linea

Torna al menu della Mitologia Nordica