Mitologia greca
Ermafrodito



Ermafrodito fu il nome del frutto di un amore occasionale di Ermes e Afrodite: prese nome da entrambi i genitori per le sue bizzarre caratteristiche: giunto all'adolescenza il ragazzo era infatti dotato di seno muliebre; portava inoltre i capelli lunghi. Spesso il dio, che è patrono della bisessualità, è stato raffigurato con aspetto di donna e genitali maschili.
È invece una fantasiosa elaborazione del poeta latino Ovidio quella secondo cui Ermafrodito fu del tutto maschio fino al giorno in cui non poté sciogliersi dall'abbraccio della ninfa Salmace e venne fuso con lei in una creatura che era contemporaneamente maschio e femmina.

27 ottobre 2011


Questo testo è proprietà intellettuale dell'autore, Ferruccio Sardu. La sua riproposizione, anche parziale, implica la citazione della fonte.


← Precedente     Successivo →


linea

Torna al menu della Mitologia Greca