Leggende metropolitane
Il tetto sfondato



Capitò a una coppia di coniugi statunitensi di tornare a casa e constatare con stupore e ribrezzo che non solo il tetto della loro villetta era stato sfondato, ma in aggiunta il soggiorno della casa era ridotto a una maleodorante pozzanghera. Molti dei mobili erano stati distrutti, e l'intera stanza era inondata di una ributtante sostanza dall'inconfondibile odore: si trattava di urina mista ad altri escrementi.
Ripresisi dallo sconcerto, i coniugi si misero in contatto con l'ufficio dello sceriffo, pronti a denunciare l'accaduto, benché non fosse loro chiaro né chi potesse essere responsabile dello scempio né quale avesse potuto essere la dinamica dei fatti. La questione fu risolta grazie a un agente che avanzò un'ipotesi che poi si dimostrò corretta: un aereo di passaggio aveva scaricato il contenuto delle latrine, una grande quantità di urina e altri escrementi che, date le basse temperature dell'alta troposfera, si era immediatamente congelata, costituendo una sorta di disgustoso meteorite. Cadendo al suolo questo aveva sfondato il tetto della villetta, salvo poi squagliarsi nell'ormai devastato soggiorno.

10 novembre 2011


Se vuoi commentare questa leggenda, oppure comunicarne una versione alternativa, invia un'email al Webmaster dalla pagina dei contatti.

Questo testo è proprietà intellettuale dell'autore, Ferruccio Sardu. La sua riproposizione, anche parziale, implica la citazione della fonte.


← Precedente     Successiva →


linea

Torna al menu delle Leggende Metropolitane